Olio di senape e colesterolo

La senape, annuale della famiglia dei cavoli, produce piccoli semi neri con una qualità pungente. La pianta di senape nera è nativo nell’Europa meridionale, mentre la pianta di senape ha origine in Asia. L’olio di senape viene utilizzato per cucinare in alcune cucine, in particolare indiane, e offre una serie di benefici per la salute, inclusi gli effetti potenziali di abbassamento del colesterolo.

Abbassa i tuoi livelli di colesterolo difettoso

Due forme di olio di senape hanno mostrato benefici di abbassamento del colesterolo in uno studio pubblicato nel numero di maggio 2011 della rivista “Nutrition”. Nello studio i ricercatori hanno arricchito l’olio di senape regolare con acidi grassi a media catena e hanno alimentato le forme regolari ed arricchite agli animali da laboratorio come il 20 per cento delle loro diete per 28 giorni. L’olio di senape arricchito ha migliorato la digestione di grassi e proteine. I livelli di lipoproteina a bassa densità, colesterolo LDL e trigliceridi sono diminuiti in entrambi i gruppi, ma la riduzione è stata minore nel gruppo oleero arricchito. Entrambi i gruppi hanno mostrato un aumento della lipoproteina ad alta densità, o HDL, la buona forma di colesterolo.

Rafforzare le cellule del sangue rosso

L’olio di senape diminuisce il colesterolo e migliora la struttura delle membrane dei globuli rossi, secondo uno studio pubblicato nel numero di dicembre 2010 della “European Journal of Nutrition”. Nello studio sugli animali da laboratorio, i ricercatori hanno osservato che le membrane dei globuli rossi erano più fragili negli animali con livelli di colesterolo elevati e che gli effetti riducenti del colesterolo dell’olio di senape migliorarono la forza delle membrane dei globuli rossi cambiando la composizione dell’acido grasso delle membrane Ad una forma più polinsaturi.

Proteggi il tuo cuore

Gli oli monounsaturated, inclusi l’oliva, la canola, la senape e il sesamo, forniscono gli effetti più protettivi del cuore, mantenendo elevati livelli di colesterolo HDL mentre abbassano i livelli di colesterolo LDL, afferma Tarla Dalal, autore di “Cuore sano del cuore: Ricette basse di colesterolo basse del grasso”. ” Al contrario, i grassi polinsaturi possono diminuire il colesterolo LDL, ma potrebbero anche ridurre i livelli di colesterolo HDL e i grassi saturi promuovono livelli elevati di LDL. Per una salute ottimale, non consumare più di 6 cucchiaini di olio al giorno e non più di 3 cucchiaini da tè se si ha una tendenza verso il colesterolo alto o la storia di malattie cardiache.

Combattere l’infiammazione

L’olio di senape si distingue per il suo elevato contenuto di acido alfa-linolenico acido essenziale, una categoria che condivide con l’olio di soia, secondo il Dr. Rajiv Sharma, autore della “Guida al Diet Management”. L’acido alfa-linolenico è un acido grasso omega-6 con proprietà antiinfiammatorie, che si trova anche in olio di semi di lino, noci, olio di canapa e perilla.